Danni allo smalto - prevenzione e cura

Che cos'è lo smalto dentale?

La parte superficiale del dente che ricopre la dentina viene chiamato smalto. Si tratta di un tessuto minerale translucido estremamente duro ma friabile e prone a danni chimici. Lo smalto protegge i restati tessuti del dente dai danni per cui va prestata particolare attenzione al suo stato e vanno evitate situazioni che possono danneggiarlo.

Danni allo smalto

Le ragioni più comuni di danni o erosione dello smalto dentale sono il bruxismo, ovvero il digrignare dei denti, e la consumazione frequente di cibi e bevande acidi o dolci. A questi si affiancano alcuni disturbi digestivi, problemi di salivazione e alcuni medicinali. Piccoli danni allo smalto che non raggiungono la sottostante dentina non devono allarmare, ma un'erosione progressiva che con il tempo espone la dentina necessita di cure mediche.

Uno dei primi sintomi di erosione dello smalto è la sensibilità dentale, seguita da cambiamenti cromatici, della forma del dente e perdita di solidità, che a lungo andare può portare a fratture. Prima che ciò accada e nel caso in cui il vostro medico abbia notato qualcuno dei suddetti sintomi, cercate di evitare quelle abitudini che possono portare ad un peggioramento e ricordatevi di effettuare regolari controlli. Una delle soluzioni per assolvere al problema è di ricoprire il dente con un materiale composito simile a quello delle otturazioni. In casi più avanzati è possibile apporre corone che vanno ad integrare il tessuto dentale perso.

 Però, visto che lo smalto non si rigenera naturalmente e l'erosione solitamente interessa tutti i denti ed è spesso dovuta a cattive abitudini, forse è più prudente prevenirla che curarla.

Richiedi un preventivo gratuito