L'alito cattivo

L'alito cattivo o che "si nota" è molto comune e le sue cause sono dovute a tutta una serie di disturbi a loro volta connessi al cavo orale. Solitamente si tratta comunque di disturbi passeggeri che non influiscono sullo stato generale dell'organismo e sull'autostima del paziente. E' però importante distinguere tra disturbi cronici e quelli temporanei e seguire la comparsa dell'alitosi nel caso in cui si noti una certa persistenza.

L'alitosi viene messa in relazione con il livello dei batteri che rilasciano composti sulfurei all'interno del cavo orale. Per questo motivo l'alito cattivo compare spesso la mattina, subito dopo il risveglio, quando a causa di una salivazione notturna ridotta la bocca è più asciutta. Infatti, appunto la saliva aiuta a controllare il livello batterico, ma di notte oppure in seguito ad alcune malattie, la salivazione è minore e compare l'alito cattivo. Altri tipi di alitosi transitorie sono dovuti alla consumazione di alcuni cibi, come il ben noto aglio, oppure al fumo, all'assunzione di alcune medicine e simili. L'alitosi cronica è invece causata da diversi disturbi o malattie dell'apparato digestivo o quello respiratorio, come gastrite o infiammazione dei seni nasali, casi in cui si consiglia di rivolgersi al medico.

Tra le cause più comuni della comparsa dell'alitosi si collocano però la placca e il tartaro, che accelerano l'attività dei batteri naturalmente presenti nella bocca e che, digerendo i minuscoli residui di cibo presenti nella bocca causano la comparsa di odori sgradevoli.

Appunto per questo motivo il primo passo per combattere l'alitosi è mantenere una buona igiene orale. A casa ciò significa spazzolare regolarmente i denti, passare il filo interdentale e sciacquare la bocca con il colluttorio, e quando si è fuori è opportuno masticare gomme senza zucchero. E' inoltre consigliabile procedere con regolari pulizie del tartaro e controlli della salute delle gengive, infatti, alcuni disturbi periodontali possono provocare la comparsa di alitosi.

E' anche consigliabile diminuire l'assunzione di cibi speziati e alcune bevande, come anche smettere di fumare.

Richiedi un preventivo gratuito